Nuvelle infurmazione nant' i resti

d'un battellu anticu ritrovu in Mariana

 

 

Frdrique Nucci Stphane Orsini, dottoranti di l'Universit di Corsica, venenu di public u dodecesimu vulume di a seria di i "Cahiers Corsica" di a "FAGEC", dedicatu i "Scavi di Mariana". Stu doppiu numeru (209-210), fruttu d'una stretta cullaburazione tr u "CERPAM di Mariana", u "Labiana" di l'Universit di Corsica, l'associu "CURTIS" a "FAGEC", prisenta un studiu interessante rinnuvellatu di u battellu anticu ritrovu d'aprile di u 1777 vicinu a foce di u Golu da l'ingenieri geografichi di u "Pianu Terrier". I dui circadori anu reunitu una documentazione impurtante ch arricchisce a publicazione ch prisenta parechji travagli venuti cumplett u studiu iniziale scrittu a fine di u XVIIIesimu seculu.

Ben intesu, nanzu di cuminci e so ricerche, l'autori cunniscianu l'esistenza di stu battellu ch ghjera statu menziunatu in diversi documenti di valore inuguale ch d'altronde anu parlatu laccorta di sta scuperta. In u so libru, "Histoire illustre de la Corse" (1863), l'abbate Galletti, ch ghjera originariu di a cumuna di Lucciana ch h fattu una descrizzione minuziosa di u situ anticu di Mariana, n cunsacra ch qualch filaru a scuperta di stu battellu. Certi piani di u battellu s stati publicati in u libru esciutu n h tantu, intitulatu "Mesure d'une le" esciutu dopu l'espusizione cunsacrata u "Pianu Terrier", prisentata u Museu di a Corsica in Corti, ma i circadori n cunniscianu micca l'esistenza di i manuscritti ch accumpagnavanu sti piani soprattuttu u cuntenutu assai sapiente per l'epuca.

Ci vole d ch principiu di e so ricerche, ancu dopu a lettura di sti manuscritti di u 1783 1784 da i geometri di u "Pianu Terrier", l'autori anu dubbitatu di l'antichit di ste vistiche, si s dumandati s'ellu era veradimente un battellu rumanu. In fatti, Frdrique Nucci Stphane Orsini s stati surpresi d'ampar da certi spezialisti ch stu battellu pudia appartene un'epuca pi anziana ch quella di a fundazione di a cit rumana, postu ch i circadori parlanu d'un battellu navighendu versu a fine di l'Antichit arcaica.

I circadori curtinesi s stati stunati quand'elli si s avvisti di a scuperta di u battellu di Mariana, a pi anziana di stu generu. A Corsica a cumuna di Lucciana pussedenu cus un patrimoniu rarissimu rimarchevule in u duminiu di l'archeolugia navale antica. Un patrimoniu scunnisciutu, poche persone ne anu intesu parl, pocu cunsideratu din da i spezialisti ch n l'anu cunsacratu ch qualch articulu. Duie publicazioni trattanu di u sugettu: un articulu scrittu in u 1892 da u vici amirale Pris, direttore di u Museu di a Marina, ch h fattu un riassuntu di i manuscritti di u XVIIIesimu seculu, avendu servutu tutti i circadori cuntempuranei p e ricerche, un articulu scrittu da Lucien Basch in u 1973, ma per via di a mancanza d'elementi, st'ultimu n h pussutu determin l'origine a datazione di u battellu. Secondu i circadori corsi, nisunu spezialistu i ghjorni d'oghje si riferisce direttamente sti travagli scritti da Pierre Jacotin, l'autore di u manuscrittu di u 1784 ch h prubabilmente l'autore di u manuscritu di u 1783 cum'ellu h spiegatu in i "Cahiers Corsica". Un solu articulu recente, quellu di Patrice Pomey (1997), cita, laccorta, d'una manera prudente, i resti di u battellu di Mariana, ma senza indicazioni precise in quant' l'origine a datazione esatta di u battellu di Mariana.

H per quella ch l'autori isulani anu realizatu sta publicazione, in a quale provanu arreg qualch elementu di risposta parechje quistioni poste da a prisenza di sti resti arcaichi, in una di e pi anziane foce di u Golu. I circadori anu vulsutu rende omagiu u travagliu rimarchevule fattu da Pierre Jacotin, travagliu ch avale permette di paragun l'infurmazioni racolte a fine di u XVIIIesimu seculu, c e scuperte pi recenti di l'archeolochi.

A prima parte di sti "Cahiers Corsica" h cunsacrata a prisentazione l'esamine di e differenti versioni ch contanu a scuperta di i resti di u battellu. Ci vulia ripruduce in un listessu documentu, i tr scritti fatti parte d'elementi pigliati nant' u locu di a scuperta, per dimustr l'erudizione di i creatori di stu battellu, di a quale l'identit ferma scunnisciuta; ma din per pud f un studiu criticu di st'infurmazioni ch prisentanu piccule differenze.

St'ultime anu permessu i circadori di l'Universit di Corsica d'emette qualch ipotesi interessante cum' l'esistenza presunta d'un carnettu di scavi ch averebbi appartenutu u creatore di u battellu, parte da u quale s stati scritti i dui manuscritti publicati in u 1892. L'autori ne anu prufittatu per prisent a vita a carriera di Pierre Jacotin, aspessu cunsideratu tortu cum' u creatore di u battellu di Mariana, ch h eseguitu un'opera cunsiderevule tantu in Corsica ch durante a spedizioni d'Egittu cum' direttore di l'ingenieri geografichi.

A seconda parte di a paruzione h pi tecnica, pi acrimuniosa p i lettori, ancu si l'autori anu cercu d in note una definizione chjara per ogni elementu di u battellu analizatu paragunatu.

Stu sviluppu h indispensevule, permette d'una parte di pruv l'appartenanza di u battellu di Mariana a famiglia di i battelli arcaichi , da l'altra parte, di ripiazz u battellu isulanu in a cullezzione ristretta: quella di i resti antichi di u mediterraneu avendu cunservatu una parte impurtante di l'elementi custitutivi di u fasciame. stu ghjornu nisunaltru battellu h statu ritrovu in bon statu cum' quellu di Mariana.

L'autori n pudianu fin senza esprime tutte e quistioni suscitate da a prisenza di i resti d'un battellu in e vicinanze di Mariana, custruzzione greca di u Vesimu o di u VIesimu seculu nanzu Cristu. Ci h un'incertezza di pettu e cunniscenze attuali, ma e cunclusioni pruvisorie di l'occupazione di u situ nanzu a fundazione rumana di u Iu seculu nanzu Cristu aprenu d'altre vistiche di ricerche ch i giovani circadori speranu di pud seguit in l'annate vene. D'altri temi s in lea ste ricerche cum' u studiu di e sponde antiche e so mudificazioni longu and, a lucalizazione di strutture portuarie antiche medievale - quelle ch si trovanu forse in a Foce di Tanghiccia, ma din quelle ch s in Casinca, in a Foce di Ciavattone - o din a quistione di l'arenamentu di i porti.

L'autori bramanu di pud f sti travaglii in bone cundizioni, vale d grazia strutture di ricerche dipendente di l'Universit di Corsica ch seranu installate nant' u situ attempu e strutture museografiche, sale s destinate e scuperte ch'elli feranu l'archeolochi sottumarini, queste cumpletteranu utilmente tutte e scuperte di i so cullaburadori restati in terraferma.